Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for aprile 2008

24 months together

motherkissing

 

"Sai, saranno sì e no cinque minuti che stiamo parlando, ma mi sembra di conoscerti da una vita"

Buon anniversario :*

Annunci

Read Full Post »

il più è stato detto.

Read Full Post »

ISTANBUL – Violentata e uccisa. Giuseppina Pasqualino, 33 anni, l’artista milanese nota come Pippa Bacca scomparsa la scorsa settimana mentre sull’autostrada di Istanbul faceva autostop vestita da sposa per una sua performance, è stata ritrovata. Morta, nuda, in un fosso, fra le cittadine di Kocaeli e Gebze, poco dopo la grande metropoli sul Bosforo.

(http://www.repubblica.it/2008/04/sezioni/esteri/turchia-sposa-scomparsa/trovata-morta/trovata-morta.html)

Notizia da poco appresa dal tg delle 14:00.

Non mi ha proprio sfiorata: non è che io sia insensibile alle problematiche delle donne o che non abbia rispetto per i morti, semplicemente sono refrattaria alle sciocchezze. L’idea di viaggiare in autostop con un abito da sposa (che non mi sembra proprio utile contro eventuali malintenzionati) mi appare piuttosto ridicola, e sinceramente credo che non si possa parlare di performance artistica per giustificare un simile atto di sconsideratezza. 

Non penso affatto poi che intraprendere un viaggio del genere possa avere una qualche valenza umanitaria, mi sembra un mero atto di egoismo ed esibizionismo: personalmente stimo molto di più un medico senza frontiere che affronta la sua odissea personale per vedere il sorriso di chi è riuscito a strappare al dolore.

Che poi un atto del genere sancisca l’indipendenza e la pluralità di orizzonti di una donna è ancora da vedere,  nel frattempo io continuo a stimare chi affronta giorno dopo giorno le sue difficoltà per abbellire il proprio universo familiare. Questo è coraggio. Questo.

Non l’accettare il passaggio da uno sconosciuto per spostarsi da un luogo all’altro, con tutto quello che è diventato il mondo oggi. Non siamo più negli anni Sessanta, anche quelli gravati da non poche sofferenze: siamo in un mondo in cui un ragazzo che non sa rassegnarsi dinanzi alla fine di una storia d’amore è arso vivo come Savonarola dai familiari della sua ex, dove il numero delle violenze e dei soprusi sulle donne e sui bambini cresce vertiginosamente, dove un uomo che lavora come un animale da soma cade da un’impalcatura e mentre precipita sente che gli scivola tutto dalle dita.

Magari gli vengono in mente i momenti che non potrà mai assaporare con sua moglie e i suoi figli, la Prima Comunione, la laurea e i nipoti che non vedrà mai, le nozze d’oro che non festeggerà. E poi un tonfo. Un buco nell’acqua. Poi tutto torna come prima. Tanto ormai queste cose sono all’ordine del giorno, sono stantie, sono trite e ritrite. Fa molto più scalpore un’incosciente che non apprezza il valore della vita che ha tra le mani.

DICIAMO LA VERITA’: se pure fosse arrivata a destinazione quale sarebbe stato il suo risultato? Sarebbero cessati i conflitti? Tutti gli uomini avrebbero gettato a terra le armi per abbracciarsi? Ma per cortesia, non diciamo idiozie, sono abbastanza svezzata da non credere a una cosa del genere.

Sono amareggiata. Forse un po’ caustica, ma non ritiro una sola parola di quello che ho detto e sono aperta a ogni confronto.

Read Full Post »

boulevard

Read Full Post »