Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for marzo 2009

Bonne soir. Ricominciamo a scrivere, che è passato un po’ troppo tempo.

In genere la prima domanda che si fa a una persona subito dopo averla incontrata è "come stai?". Ecco, io certe volte non la sopporto, mi sembra così scontata che la risposta spesso finisce per essere altrettanto inconsistente. Sarà che più passano i giorni e più mi rendo conto di quanto instabile io sia, sarà che col tempo sto cambiando e a volte la cosa non mi piace affatto. Sarà che vorrei essere granitica ma -cazzo- non ci riesco proprio. Certe volte ho energia a palate, altre volte mi sento un’ombra. Ed è una cosa abbastanza logorante e snervante.

Il mondo che mi circonda è rimasto più o meno lo stesso: la cosa che più mi stupisce è che ho capito che esso non sarà mai infinito per addizione, ma avrà sempre le stesse dimensioni. Sempre le stesse sciatte e logore dimensioni. Cheppalle. E io che pensavo di poter forzare certe porte e aprirle. Mah quanto sogno. Non riesco a staccare certe foto, a liberarmi delle stesse abitudini diventate ormai meccaniche e vuote, non riesco a tirare un volgarissimo sospiro di sollievo. E per giunta non parlo potabile!

Era da un bel pezzo che non ascoltavo l’allegro di Das Madchen und der Tod di Schubert (eh signori, qui si tedeschia): forse uno dei pochi pezzi di musica classica che io apprezzi nel vero senso della parola subito dopo In der Halle des Berkonigs di Grieg e la tempesta d’estate di Vivaldi. Uhm la mia cultura in materia di musica classica è ancora molto lacunosa.

E intanto mi preparo al saggio di danza di Giugno al Teatro dell’Ateneo.

E intanto aspetto cosa succederà di qui a qualche anno.

E intanto mi fa male la schiena come se fossi vecchia quanto Bilbo Baggins.

E intanto è la quarta volta che comincio con "E intanto"

…Aspetto il sonno.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Read Full Post »

miscellaneous

So jaded…

That’s where it’s at?

I’m the one that jaded you

But remember when I moved in you

And the holy dove was moving too

and every breath we drew was Hallelujah.

What do you want?

To feel.

Before you slip into unconsciousness

don’t tell me it’s not worth trying for

You’ve got me right out of your hand.

Jagged a little pill

Starless

You can be everything you want to be.

…Just show me the way to the next whiskey bar.

Read Full Post »